Tari



Arignano
2013 2014 2015 2016

Baldissero Torinese
2013 2014 2015




Pecetto Torinese
2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015



Riva presso Chieri
2014 2015 2016



SCADENZE PAGAMENTO TARI 

La TARI ( Tassa sui rifiuti) è il nuovo sistema di finanziamento comunale della gestione dei rifiuti urbani e della pulizia delle strade, introdotto in Italia dalla Legge di Stabilità 2014 (Legge 27 dicembre 2013, n. 147) e regolamentato dal D.P.R. 27.04.1999, n. 158. Essa, dal 1 Gennaio 2014, ha sostituito la TARES (art. 14 del D.L. 201/2011).

La TARI è una delle tre componenti della IUC (Imposta unica comunale), unitamente alla TASI (tributo per i servizi indivisbili), che sostituisce la vecchia maggiorazione per servizi indivisibili, ed all┐IMU (imposta municipale propria).

La nuova TARI ha natura tributaria (quindi non sarà più applicata l┐I.V.A. ). Il soggetto attivo del prelievo è sempre il Comune.

La TARI è applicata nei confronti di chiunque possieda, occupi oppure detenga locali o aree scoperte ad uso privato o pubblico nel territorio comunale, suscettibili di produrre rifiuti urbani e/o assimilati..

I locali occupati dai soggetti passivi del tributo (contribuenti) possono essere di 2 tipi:

  • utenze domestiche
  • utenze non domestiche o attività.


Le utenze domestiche sono i locali ad uso abitativo delle famiglie. Nelle utenze non domestiche rientrano le comunità, le attività commerciali, industriali, professionali, le attività produttive in genere e le associazioni.

 

Utenze domestiche

Le utenze domestiche si dividono in 6 categorie:

  • nuclei familiari composti da 1 persona
  • nuclei familiari composti da 2 persone
  • nuclei familiari composti da 3 persone
  • nuclei familiari composti da 4 persone
  • nuclei familiari composti da 5 persone
  • nuclei familiari composti da 6 o più persone

 

Utenze non domestiche

Le utenze non domestiche si dividono in 30 categorie a seconda del tipo di attività svolta.


 

Articolazione della TARI


La TARI si articola in 2 parti:

  • quota fissa (TF)
  • quota variabile (TV)


La prima serve a coprire i costi della gestione rifiuti "fissi" ovvero che non dipendono dai quantitativi di rifiuti raccolti . Essi includono tra l'altro quelli di spazzamento e lavaggio strade, l'ammortamento degli investimenti (ad esempio per realizzare i centri di raccolta) i costi di riscossione della tariffa stessa (personale allo sportello, spese postali, costi per riscossione coattiva,  etc.).

La quota variabile serve a coprire i costi di raccolta , trasporto , smaltimento e riciclaggio dei rifiuti ed è legata alla produzione di rifiuti (misurata o presunta).

Nel caso in cui la produzione di rifiuti è misurata si parla di TARI PUNTUALE.


I due tipi di TARI


La TARI può quindi essere di due tipi:

  • TARI puntuale , proporzionale, per le utenze domestiche, alla superficie dell┐immobile, al numero dei componenti il nucleo famigliare ed all'entità dei servizi di igiene ambientale erogati a ciascuno (numero di svuotamenti del contenitore non recuperabile) in ossequio al principio " chi inquina paga ".  Per le utenze non domestiche la TARI puntuale è proporzionale alla superficie dell┐immobile, al tipo di attività esercitata ed all'entità dei servizi di igiene ambientale erogati a ciascuno (numero di svuotamenti del contenitore non recuperabile e volumi assegnati di carta, organico e vetro), anche qui in ossequio al principio " chi inquina paga ".  


La gestione della TARI puntuale è affidata dal Comune al soggetto gestore (Consorzio Chierese) nei Comuni indicati in colore verde nella cartina soprastante.

  • TARI presuntiva, proporzionale esclusivamente, per le utenze domestiche, alla superficie dell┐immobile ed al numero dei componenti il nucleo famigliare, per le utenze non domestiche, alla superficie dell┐immobile ed al tipo di attività esercitata. Tale tipologia di TARI è gestita direttamente dal Comune nei Comuni indicati in colore arancione nella cartina soprastante.


 

Il ruolo del Consorzio nel passaggio da TARES a TARI

Il Consorzio di Bacino svolge il delicato compito di:

  • Predisporre, per ogni comune, il piano finanziario richiesto dalla legge al fine di applicare la TARI
  • Gestire la TARI puntuale per conto dei Comuni
  • Supportare i comuni nel passaggio da TARI presuntiva a TARI puntuale

 

I Comuni a TARI puntuale

La TARI puntuale è deliberata dai Comuni e gestita dal Consorzio. Il nostro Consorzio la applica in dieci Comuni su diciannove:

  • Arignano
  • Baldissero
  • Cambiano
  • Carmagnola
  • Chieri
  • Pecetto
  • Pino Torinese
  • Poirino
  • Riva presso Chieri
  • Santena

 

Circa il 92% della popolazione complessiva del nostro territorio.


Metodi di pagamento


MODALITÀ DI PAGAMENTO TARI PUNTUALE ACCONTO 2014

La TARI puntuale per l'anno 2014 deve essere versata presentando entrambi i modelli F24 precompilati ricevuti a casa insieme all'avviso di pagamento (uno per la prima rata, uno per la seconda rata) presso un qualsiasi sportello bancario o postale oppure utilizzando i servizi home-banking.

Si ricorda che l'importo della fattura di acconto TARI è pari a quanto richiesto all'utente nell'anno 2013 a titolo di TARES.

L'eventuale mancata ricezione del modello di pagamento non esime il contribuente dal versare la TARI. In tal caso il contribuente è tenuto a contattare tempestivamente l'Ecosportello del proprio Comune per ottenere copia dell'avviso di pagamento e dei modelli F24 precompilati.

Nel 2015 si procederà al calcolo del conguaglio, se dovuto, calcolato utilizzando le tariffe deliberate dal Comune per l'anno 2014. L'importo risultante sarà indicato (qualora tecnicamente possibile) in aumento o in riduzione dell'importo dovuto a titolo di TARI per l'anno 2015, ovvero sarà oggetto di specifici avvisi di pagamento o di rimborso.



CARTELLE ESATTORIALI  TIA-TARES ANNI PRECEDENTI




Valid HTML 4.01 Transitional